Güncel Haberler

Ministro Şimşek: La riserva negativa non è più all’ordine del giorno

Il ministro del Tesoro e delle Finanze Mehmet Şimşek fa dichiarazioni importanti sull’economia. Il ministro Şimşek ha dichiarato: “Sebbene il disavanzo delle partite correnti fosse pari al 6% l’anno scorso secondo le stime del reddito nazionale, oggi sarà sceso al di sotto del 2,5%. Il fabbisogno di risorse estere della Turchia sta diminuendo. L’accumulo di riserve è consentito. Rispetto alla fine di maggio dello scorso anno , le riserve della Turchia sono più alte di 44 miliardi di dollari.

Le dichiarazioni del Ministro Şimşek a NTV sono le seguenti:

Il programma funziona davvero. Il successo in alcune aree è evidente, altre richiedono tempo. Ci siamo evoluti verso una composizione più equilibrata nella crescita. L’anno scorso la crescita nel secondo trimestre è stata pari a circa il 4%, ma il contributo della domanda interna alla crescita è stato di oltre 10 punti. L’ampio disavanzo delle partite correnti e la fusione delle riserve riflettono quel periodo. Nel primo trimestre di quest’anno il contributo delle esportazioni nette alla crescita è tornato all’1,6%. La domanda interna è ancora forte ma diventerà più moderata. C’è una stabilizzazione della crescita. Questa è l’essenza del programma. C’è una transizione dal surriscaldamento al moderato. Sì, l’inflazione ha raggiunto il suo picco. È una questione che abbiamo espresso fin dall’inizio. Le realizzazioni dei programmi sono generalmente in linea con i nostri obiettivi. Abbiamo condiviso con il pubblico che l’inflazione raggiungerà il picco negli anni ’70. L’inflazione ha iniziato a rimanere elevata a causa dell’effetto base.

Il disavanzo delle partite correnti si sta gradualmente riducendo. Nel maggio dello scorso anno il deficit delle partite correnti rivisto ammontava a oltre 57 miliardi di dollari. Nel mese di maggio il deficit delle partite correnti scenderà a 25 miliardi di dollari. Il deficit delle partite correnti è dimezzato. Mentre lo scorso anno, secondo le stime del reddito nazionale, il disavanzo delle partite correnti era pari al 6%, oggi sarà sceso al di sotto del 2,5%. Il bisogno della Turchia di risorse estere sta diminuendo. L’accumulo della riserva è abilitato. Rispetto alla fine di maggio dello scorso anno, le riserve della Turchia sono più alte di 44 miliardi di dollari. Le riserve, esclusi gli swap, sono aumentate per la prima volta dall’inizio del 2020. Perché negli ultimi 2 mesi alla Banca Centrale sono affluiti 65 miliardi di dollari di risorse. Un terzo di esso è costituito da risorse esterne a breve termine, circa un decimo è costituito da attività TL come preferenze di portafoglio, e vi sono anche risorse a medio-lungo termine ottenute da banche, società e tesorerie dai mercati globali. Le risorse a breve termine possono cambiare direzione in qualsiasi momento, non possiamo fare affidamento su di esse. Come lo abbiamo fatto, in sicurezza.

Ha raggiunto il suo picco a 144 miliardi di dollari ad un certo punto lo scorso anno. Si registra un’enorme diminuzione delle passività condizionali della CBT turca. È necessario considerare insieme gli aumenti delle riserve e le passività condizionali.

Il premio per il rischio della Turchia è salito sopra i 700 punti base nel maggio dello scorso anno, ed è attualmente intorno ai 260 punti base. Il premio di rischio della Turchia è ancora elevato. Siamo all’inizio del programma.

Le agenzie di rating del credito hanno aumentato il nostro rating dopo 11-12 anni. E se non ci fosse un programma? Per molto tempo si è detto che non esisteva alcun programma sul mercato. Hanno detto che questo programma non richiede risorse. C’è un afflusso di risorse senza precedenti nella storia. Quando il settore reale ha pagato 100 dollari di debito estero, ha trovato solo 73 dollari. Quando le nostre banche pagarono un prestito di 100 dollari, trovarono solo 96 dollari. Quando le nostre banche pagano un debito di 100 dollari, possono trovare una fonte di 150 dollari o meno. Il programma funziona molto meglio di quanto ci aspettassimo.

L’aspettativa di inflazione dopo 12 mesi è pari a circa il 33%, mentre dopo 24 mesi è pari a circa il 21%. Il mercato dice che se questo programma verrà attuato con decisione, l’inflazione scenderà al 21%.

L’inflazione annuale è aumentata. Ma se questo programma non esistesse, non ci si chiederebbe dove sarebbe l’inflazione annuale. Perché l’inflazione oggi è al 75% Torniamo alle condizioni dell’anno scorso? Il paese ha subito un enorme terremoto. Il terremoto ha due effetti: poiché aumenta enormemente il deficit di bilancio, l’inflazione aumenta poiché l’aumento del deficit di bilancio si riflette sotto forma di spese. Poiché il terremoto è stato molto grande e la popolazione colpita era numerosa, si è verificata una migrazione dalla zona sismica verso alcune regioni. Il terremoto si è verificato nella prima metà dell’anno, ma ci è voluta l’estate perché le macerie venissero rimosse e la costruzione iniziasse. A quel tempo, ci fu un enorme aumento dei materiali da costruzione.

Per quanto riguarda la seconda questione, l’anno scorso abbiamo dovuto rilasciare il tasso di cambio. Nel 2021 il tasso di cambio è aumentato a 18 lire, sono state adottate misure e il tasso di cambio è stato mantenuto come KKM. Abbiamo affermato che ciò avrebbe portato a un collo di bottiglia nella competitività e che, se ci fosse stato un deflusso del disavanzo delle partite correnti a causa delle esportazioni, avremmo rilasciato il tasso di cambio. La trasmissione del tasso di cambio è più elevata che mai. L’anno scorso è stato in gran parte colpito dal terremoto, ma ci sono state anche le elezioni. Si parlava della possibilità che il deficit di bilancio salisse al 10%. Abbiamo attuato il consolidamento fiscale per ridurre il deficit al 5%. Abbiamo aumentato le tasse, sono inflazionistiche. Naturalmente, non vi è alcuna base per una diminuzione dell’inflazione. Da mesi diciamo che questo è l’anno della transizione verso la disinflazione. L’inflazione al 75% è molto alta. Questa inflazione descrive gli ultimi 12 mesi. C’è un afflusso di risorse senza precedenti nella storia; Stiamo parlando di come ritirare i TL che abbiamo dato in cambio della valuta estera che abbiamo acquistato dal mercato.

Dicono che l’inflazione diminuirà a causa dell’effetto base. Non è solo un effetto di base. L’inflazione è sul punto di scendere definitivamente. Per molto tempo abbiamo ricostruito la politica monetaria per ancorare l’inflazione. Attualmente esiste una politica monetaria funzionale. La politica fiscale è stata una politica espansiva lo scorso anno e quest’anno. Ora stiamo adottando ulteriori precauzioni. Siamo giunti alla fine del lavoro sulla riforma che garantirà giustizia ed efficienza, soprattutto in ambito fiscale. L’anno prossimo il deficit di bilancio sarà nettamente inferiore al 3%. Per renderlo neutrale o di sostegno in termini di inflazione. L’anno prossimo attueremo una politica fiscale chiaramente disinflazionistica.

C’è una stretta monetaria e quantitativa, c’è un credito selettivo, l’inflazione sarà permanente e diminuirà, ma ci vorrà tempo. Sono stati esaminati 100 shock inflazionistici in 56 paesi. Ci vogliono in media 3,4 anni affinché l’inflazione ritorni al periodo pre-shock, siamo al nostro primo anno. Tutti gli attori devono essere pazienti.

L’inflazione mensile è scesa al 3% circa. L’inflazione scende, i cittadini lo sentono. L’inerzia nel settore dei servizi richiede tempo. La fiducia è aumentata, questo è il cambiamento più critico, il divario di fiducia sta diminuendo. Lo chiedi a 70 economisti, quelli che sanno il loro mestiere. Chiedi quale sarà l’inflazione tra 12 mesi, dicono che scenderà a 33 e dicono che scenderà a 21 in 24 mesi.

L’inflazione non è un fenomeno nuovo in Turchia. Il deterioramento dell’inflazione non è un processo facile. Sono necessarie pazienza e determinazione. Abbiamo sentito il sostegno del nostro Presidente. Questo è un lavoro di squadra. MB ha un team di altissima qualità.

Non determiniamo i prezzi globali delle materie prime. I prezzi del petrolio e del gas naturale seguono il programma. Se c’è qualche shock e c’è un rischio, questo deve essere visto. Durante la progettazione del programma non erano previste nuove interruzioni nelle catene di approvvigionamento. Molti prodotti provengono dall’Africa piuttosto che dal Canale di Suez, aumentando i costi. Le nostre politiche sono molto originali No, non lo sono. Non è necessario reinventare la ruota. Non c’è né originalità né contraddizione qui.

Il miglioramento del disavanzo delle partite correnti sta andando molto meglio di quanto previsto dal programma e migliorerà ulteriormente. La domanda interna si modererà e le importazioni continueranno a diminuire. La ripresa economica inizierà nei nostri partner commerciali esteri. Con l’accelerazione della crescita dei partner commerciali, la domanda di prodotti di esportazione della Turchia aumenterà. Vogliamo mantenere il deficit delle partite correnti permanentemente al di sotto del 2,5% in rapporto al reddito nazionale. Diventa difficile ridurre l’inflazione attraverso i tassi di cambio. L’energia è una delle nostre maggiori voci di importazione.

Abbiamo pubblicato 284 prodotti, metà dei quali costituiscono il deficit commerciale. Abbiamo detto che se qualcuno che può produrli passa attraverso alcuni studi di fattibilità, gli daremo un prestito di 10 anni in TL con un periodo di grazia di 2 anni. La nuova politica industriale è la componente più importante.

L’interesse è aumentato enormemente di recente. La sua quota nel titolo GDBS è scesa allo 0,5% nel maggio dello scorso anno. Torniamo al 2013 e abbiamo visto il 28% al picco. Ora si sta rapidamente dirigendo verso il 10%. L’afflusso netto verso i titoli di Stato negli ultimi 12 mesi è stato di 7,3 miliardi di dollari. L’ingresso in borsa è di 3,6 miliardi di dollari. C’è un afflusso netto di 17 miliardi di dollari in 12 mesi. Queste sono le fasi iniziali. Abbiamo in mente chiaramente che ridurremo l’inflazione e, quando lo faremo, ci sarà un flusso di fondi molto consistente. Molto tempo dopo il 2017, le nostre banche hanno iniziato a raccogliere risorse di quasi-capitale su larga scala dai mercati globali. Le nostre banche dispongono di ingenti risorse pari a circa 4,5 miliardi di dollari per il finanziamento di progetti a lungo termine.

È molto probabile che il presidente della Banca mondiale venga in visita in Turchia. Se si considera l’impegno o il programma che si trasformerà in un impegno per la Turchia da parte delle banche multilaterali globali che ho citato finora, fornendo risorse a lungo termine a costi ragionevoli, incanaleranno 60 miliardi di dollari di risorse.

Quando la Banca Centrale acquista valuta estera, cede TL al mercato. Se c’è liquidità TL, l’inflazione è in pericolo. Dobbiamo ritirarne una parte significativa dal sistema, questo è il compito del Centro. Se necessario, sosterremo come tesoreria. Stiamo valutando alternative in questo senso. Stiamo valutando la situazione nell’ambito delle nostre autorità. Nel breve termine, la stretta quantitativa mette a dura prova il settore bancario. MB è stata molto proattiva finora, siamo pronti come tesoreria.

Non abbiamo e non possiamo avere un impegno sul tasso di cambio, né implicito né esplicito. Il carry trading fa parte del mercato. Ciò accadrà, ma la cosa importante qui è; Credo che le scadenze verranno allungate man mano che il programma darà risultati. Credo che il rischio di liquidità diminuirà con l’allungamento della scadenza. Ritengo pertanto che i rischi siano stati seriamente ridotti. Rispettiamo le preferenze di portafoglio dei cittadini. TL è più attraente, c’è fiducia in TL. La nostra preferenza va agli investimenti diretti globali.

Abbiamo preparato il programma necessario per l’aumento dei voti e lo abbiamo messo in pratica, e dopo 11-12 anni i voti della Turchia stanno aumentando. Abbiamo modificato in positivo l’outlook di rating di tutte le agenzie di rating. Diciamo che l’aumento del punteggio di credito è lento, ciò che è importante per noi sono gli spread della Turchia. Andate a vedere gli spread della Turchia dopo il programma L’anno scorso, gli spread della Turchia e il premio pagato rispetto ai tassi di interesse statunitensi per scadenze simili stanno diminuendo rispetto ai premi pagati dai paesi in via di sviluppo. Attualmente, il mercato ci sta valutando come se il nostro punteggio di credito fosse più alto di 1,5 livelli. Credo che il nostro punteggio di credito aumenterà ancora di più.

Se non facciamo nulla, la regolamentazione degli affitti scompare. Non stiamo lavorando a un accordo del genere. Lasciamo che la domanda e l’offerta determinino i prezzi sul mercato. Aumenteremo l’offerta immobiliare. Siamo concentrati sul terremoto. Abbiamo mobilitato tutte le risorse nella zona terremotata. Ci concentreremo sulle misure di sostegno per aumentare l’offerta abitativa per i segmenti sociali man mano che il programma avrà successo, soprattutto quando le ferite del terremoto si rimarginano. A partire dal prossimo anno le condizioni di mercato saranno favorevoli. C’è una campagna che dice che la metà la offriamo noi. In termini di trasformazione urbana, stiamo aumentando le risorse aggiuntive in quest’area con un budget molto serio. Aumenteremo l’offerta di alloggi per ridurre gli aumenti degli affitti entro un percorso ragionevole.

Abbiamo investito abbastanza nelle autostrade e nelle compagnie aeree. Türkiye ha soddisfatto le sue esigenze in quella zona. La Turchia si concentrerà su opere infrastrutturali che ne aumenteranno la competitività.


etichette

İlgili Makaleler

Bir yanıt yazın

E-posta adresiniz yayınlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir

Başa dön tuşu
marsbahis giriş